I gatti fanno bene alla salute.

Sono membri della famiglia, compagni di gioco, ti conforteranno e ti accompagneranno per tutta la vita.
Vivendo con te, ti daranno non solo la loro fiducia ma qualcosa di molto più grande che non potrai mai ricambiare.
I gatti sono dei maestri di vita perfetti! Ti mostrano come accettare e goderti la vita qui e ora e ti aiutano a concentrarti sull’essenza delle cose.
Inoltre, migliorano il tuo benessere fisico ed emotivo.

Tuttavia, non tutti i gatti sono uguali.

Fisicamente, variano per dimensioni, colore degli occhi e del mantello, corporatura e lunghezza dei peli: sono molte le differenze per non menzionare le qualità individuali, che ovviamente possono variare molto.

In natura, i gatti vivono fino ad un’età di circa otto anni, mentre i gatti di casa invecchiano molto di più, anche fino a 20 anni. Tieni presente che vivere con un animale domestico comporta molte responsabilità.
Hanno i loro bisogni e dipendono interamente da te.
Assumersi la responsabilità di un animale significa che devi assicurarti di fornire condizioni di vita adeguate alla sua specie.

Quanto spazio ho a disposizione?

Prima di decidere quale gatto è adatto a te, dovresti riflettere su ciò di cui un gatto ha bisogno per condurre una vita adatta alla sua specie e se sei in grado di offrirglielo.

In che misura tenere un gatto cambierà la tua vita?
È questo ciò che vuoi?
Corrisponde davvero al tuo stile di vita?

Hai abbastanza tempo da dedicargli e sarai in grado di prendertene cura finanziariamente considerando il costo della vita, le visite dal veterinario, ecc.?
Cosa succede se ti ammali o hai bisogno di viaggiare?
E che dire della vita quotidiana, ad es. ore di lavoro? Sarai fuori casa tutto il giorno, magari perché fai il pendolare?
Ci sarà eventualmente un secondo gatto che faccia compagnia al nuovo arrivato, così da non farlo sentire solo?

Come vedi, ci sono molte domande da considerare ed è importante che tu sia onesto con le tue risposte.
A parte te, anche tutti coloro che vivono con te dovrebbero essere d’accordo con la tua decisione. Accetteranno un nuovo membro della famiglia, che rimarrà per gli anni a venire?

Gatto in casa o fuori casa?

Animale domestico o animale libero? Questo ovviamente dipende anche dalla tua situazione di vita.

Vagare liberamente su un vasto territorio ha il suo fascino per un gatto; tuttavia, questo tipo di libertà comporta molti rischi. I gatti domestici in generale godono di una vita più lunga, semplicemente perché vivere in casa è molto più sicuro.

Creare un ambiente interno adatto alla specie: guarda qui:

– può rendere la vita di un gatto in casa estremamente eccitante e divertente!

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.

Dovresti anche considerare il fatto che il tuo gatto potrebbe non tornare a casa e capire se sei disposto a convivere con questo tipo di rischio. E se gli succede qualcosa? Valuta bene questa possibilità.
Inoltre – questo corrisponde ai desideri dell’animale?
Spesso si può trovare un compromesso: ad es. tenere un gatto in casa con un accesso esterno più limitato.

Un gatto solo – una buona idea?

I gatti sono animali sociali per natura.

Hanno bisogno della compagnia di conspecifici e non dovrebbero essere tenuti da soli – anche se ci giochi e li coccoli molto, non sarai mai in grado di sostituire un vero “compagno gatto” – non importa quanto tu possa comportarti come tale!

Ma, come sempre, ci sono delle eccezioni.

Se il gatto è abituato a vivere da solo, non accetterà facilmente un nuovo arrivato in casa.

A parte questo, la chimica deve essere quella giusta: se i due non si sopportano a vicenda perché hanno un carattere troppo diverso, la situazione può diventare stressante o addirittura pericolosa.

Voglio tenere altri animali?

Se stai pianificando – o vivi già con – altri animali domestici, dovresti prima considerare se il nuovo arrivato si armonizzerà con la famiglia residente.
Funzionerà o ci sono problemi all’orizzonte?

A partire dalla quarta settimana di vita, i gattini entrano nella fase di socializzazione. In generale, questo accade in compagnia dei fratelli, infatti i gattini figli unici sono un’eccezione.

Il gattino impara tutto sulla convivenza proprio durante questo periodo e viene educato sia dalla mamma che dai fratelli.
Se un gatto cresce in questo tipo di ambiente, adatto alla specie, rimane sempre un cacciatore solitario ma non sarà mai un solitario a casa: i gatti amano la compagnia per natura!
Amano il contatto fisico con gli altri gatti: si puliscono a vicenda e si divertono a giocare e a rilassarsi insieme: insieme è tutto più divertente piuttosto che da soli!

Quindi, chi sarebbe il candidato ideale per una convivenza domestica con un gatto?

Guarda qui: abbiamo raccolto delle informazioni su come aiutare il tuo gatto ad accettare altri animali e quale tipo di convivenza abbia più senso:

Quali sono i miei standard?

Una volta che hai deciso di far entrare nella tua vita un essere così affascinante ed elegante, dovresti riflettere su quale tipo di gatto sarebbe l’abbinamento ideale per te.

Quale tipo sarebbe quello giusto per te – ci sono ad es. delle preferenze per quanto riguarda l’aspetto esteriore? Vorresti fornire una nuova casa per un gatto del gattile o ne preferisci una con il “pedigree”?

Razze di gatti

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.

Quelle: Fressnapf (2017): Top 10 Katzenrassen. [YouTube-Video.], veröffentlicht am 27.10.2017, https://www.youtube.com/watch?v=xXIK6N0J17E, zugegriffen am 01.03.2019

Inoltre, la nostra Guida Cat’s Best presenta regolarmente una razza alla volta:

  • Qual è la particolarità di questa razza?
  • Quali sono i tratti unici del British Shorthair?
  • Fatti interessanti sulla custodia e la cura

Gatto a pelo corto o a pelo lungo?

Preferisci una razza a pelo corto piuttosto che una razza a pelo lungo o viceversa?

Entrambi i tipi hanno il loro fascino!

Tutti i gatti hanno bisogno di curare il mantello, di tanto in tanto o frequentemente, a seconda della razza. Il pelo lungo ovviamente ha bisogno di più cure, il che significa che è necessario avere tempo.

Le razze a pelo lungo spesso hanno anche un sottopelo denso, il che significa che hanno bisogno di una spazzolatura extra, più volte alla settimana, altrimenti potresti ritrovarti con dei nodi o dei peli arruffati che alla fine devono essere tagliati.

Anche il periodo della muta del pelo in autunno e in inverno sarà un po’ meno intenso nelle razze a pelo corto, dato che il loro sottopelo è più sottile. I gatti di casa in generale sono meno influenzati dal ricambio del mantello perché sono esposti a sbalzi di temperatura prevalentemente moderati durante tutto l’anno.
In questo modo, il loro mantello non è costretto ad adattarsi più di tanto tanto al mutare delle stagioni.

Gatto più giovane o più anziano?

Chi può resistere ad un cucciolo di gatto così carino?

Tuttavia, un gattino minuscolo ha bisogno di molte più attenzioni di un gatto adulto.
Potrebbe aver già imparato le basi da mamma gatta quando arriva a casa tua, ma il nuovo ambiente significa che deve orientarsi e imparare molte cose da zero. Questa non è solo una grande avventura per il gattino, significa anche che potrebbe fare qualche danno e gli oggetti fragili potrebbero subire i suoi “attacchi”.

Un gatto già adulto sarà un po’ più sereno fin dall’inizio.

Può sapere per esperienza come vivere con gli umani, sa cosa aspettarsi e come adattarsi.

Tuttavia, anche i gatti più anziani devono adattarsi alle nuove condizioni.

Ci vuole tempo per abituarsi al nuovo ambiente e ti renderai le cose più facili se chiedi al precedente proprietario o al rifugio a cosa è abituato il gatto e quali sono le sue preferenze. Assicurati anche di avere tutti i dettagli sul suo carattere in modo che entrambi sappiate cosa aspettarvi.

Maschio o femmina?

Maschio o femmina? Fisicamente, i gatti maschi sono di dimensioni un po’ più grandi. Per quanto riguarda il comportamento sociale, i gatti maschi possono essere più litigiosi; tuttavia, gli episodi gravi non si verificano così spesso.

Tra i gatti, le femmine hanno lo stato “alfa”, che va riconfermato il più delle volte: la proverbiale “lotta tra gatti” è quindi molto più frequente dell’occasionale “rissa” tra due maschi.

Tuttavia, la castrazione fa una grande differenza per entrambi i sessi:

I maschi non castrati a volte possono diventare selvaggi. Vagheranno all’aperto ogni volta per periodi più lunghi, avranno molta energia e segneranno il territorio frequentemente, in particolare i loro punti preferiti in soggiorno. L’urina del maschio intero ha un odore piuttosto penetrante!
Anche le femmine non castrate vagheranno all’esterno per molto più tempo e potrebbero tornare incinte.

L’acquisto di un animale domestico non è mai una decisione da prendere alla leggera. Vi diamo 7 consigli da tenere in considerazione prima di acquistare un animale domestico.

leggete ora: https://www.catsbest.it/acquisizione-del-gatto/

Fattori esterni

Vincoli che resistono nel tempo:

Come sono le condizioni generali a casa?

Quale gatto si addice meglio al tuo ambiente di vita?

Hai abbastanza spazio?

Quanto tempo hai a disposizione?

Un animale selvatico e capriccioso sarà infelice in uno spazio ristretto: non sarà divertente, né per il gatto né per te!

A lungo andare, nessuno di voi due sarà felice. Pertanto, prenditi prima del tempo e verifica se le tue condizioni di vita corrispondono a quelle del gatto.

SUGGERIMENTO: fai prima una lista per valutare i seguenti fattori:

  1. esperienza
  2. tempo
  3. spazio
  4. situazione familiare
  5. mantenimento e cure

Esperienze precedenti con i gatti?

“Gatto del principiante” o mascalzone dal carattere forte?

Hai mai vissuto con un amico felino?
Forse ti sei già preso cura dei gatti in precedenza?
Sei un allevatore di gatti professionista con una vasta esperienza, forse stai cercando nuove sfide con un gatto molto diverso dal suo predecessore?

Se sei un neofita, dovresti scegliere un animale affettuoso dal carattere mite. Invece, se sei un proprietario di gatti esperto, potresti voler provare un nuovo convivente dalla forte personalità, nel caso ti sentissi all’altezza della sfida.

Quanto tempo posso dedicare?

Hai abbastanza tempo per un gatto? Quanto tempo puoi passare con il tuo animale? Quali razze in particolare corrispondono alla tua vita lavorativa? 

Indipendentemente dalla razza e dall’origine: se lavori e devi lasciare il gatto da solo a casa, dovresti prevedere un secondo gatto per fargli compagnia. Non c’è niente di più deprimente di un gatto che fissa con nostalgia fuori dalla finestra tutto il giorno!

Là fuori la vita si svolge a pochi metri di distanza, ma il gatto è separato da essa da uno schermo. Tutto solo.

Il gatto non è un soprammobile pensato per compiacere e divertire, è un essere vivente con bisogni specifici, proprio come te.

Ci sono alcune razze di gatti che presumibilmente vanno particolarmente d’accordo con i conspecifici, ma una cosa è certa:
Nonostante quanto sopra, ogni essere vivente ha bisogno di compagnia e di comunicare. – Sei in grado di offrire questo al tuo futuro gatto?

Per quanto tempo il gatto sarà lasciato da solo?

Quasi tutti coloro che lavorano sono costretti a lasciare il proprio animale da solo in casa per diverse ore al giorno. Alcuni gatti sono abituati a stare da soli fino a otto ore al giorno.

Tuttavia, il gatto non dovrebbe mai essere lasciato solo per più di 24 ore. Solo i gatti all’aperto possono essere lasciati a sé stessi per un massimo di due giorni alla volta, a condizione che acqua e cibo siano sempre a disposizione e che sia prevista in anticipo la possibilità di rientrare occasionalmente in caso di emergenza.

A differenza dei cani, i gatti abituati ad una vita all’aria aperta possono sopravvivere da soli per un po’, se necessario. Ovviamente, il territorio deve fornire sufficienti opportunità per la caccia ai topi e un luogo di riposo asciutto.

Hai abbastanza tempo per spazzolarlo regolarmente?

Quanto tempo vuoi investire nella cura del suo mantello? Valuta in anticipo, i pro e i contro dell’avere una razza a pelo lungo o a pelo corto per prendere una decisione consapevole.

Più il pelo è lungo, e più intensa e dispendiosa, in termini di tempo, sarà la cura. Qui, abbiamo raccolto per te alcuni esempi di razze con pelo corto o lungo:

Gatti a pelo corto – esempi:

Abissino
Bengala
Siamese

Da non dimenticare: anche il gatto europeo comune appartiene alle razze a pelo corto. (A proposito, una razza molto amata e indipendente!)

Gatti a pelo semi lungo – esempi:

  • Angora
  • British Langhaar
  • Persiano

Questi sono solo tre esempi rispettivamente del tipo a pelo corto o lungo. Ovviamente, ce ne sono molti di più!

Allergia al gatto?

Alcune persone hanno reazioni allergiche al pelo dei gatti.

Se pensi di essere sensibile o allergico ai peli del gatto, fai una visita all’allergologo sia tu che il gatto. Verranno testati sia il tuo sangue che la sua saliva, poiché in effetti, la reattività non è ai peli, bensì alla saliva del gatto a cui gli esseri umani possono essere sensibili: La saliva contiene proteine che possono innescare allergie.

RICORDA: I gatti all’aperto portano molto polline in casa durante la primavera, un’ulteriore fonte di stress, se sei allergico.

Il gatto crescerà in famiglia?

Come è stato socializzato il tuo nuovo amico felino?

Il nuovo gatto corrisponde sia a te che al tuo ambiente?
Se ci sono bambini in giro, evita di adottare un gatto “Rambo” e opta invece per uno con un carattere mite e ben intenzionato.

Puoi trarre le tue conclusioni dal modo in cui il gatto è stato allevato: un randagio selvatico può essere sia timido che riservato, mentre un gatto che è cresciuto con dei bambini e altri animali domestici potrebbe essere più fiducioso e affettuoso.

Gatti provenienti da un rifugio: gli animali che hanno sofferto molto o che hanno subito un duro colpo nella loro vita possono diventare gli esseri più affettuosi. Tuttavia, in questi casi è richiesta pazienza e sensibilità. Non dimenticare che gli animali reagiscono solo a causa di brutte esperienze che hanno subito in precedenza.

Cosa succederà durante le vacanze?

Il periodo migliore dell’anno è la stagione delle vacanze!

Però, hai già pensato a come organizzarti eventualmente con il gatto?

I gatti che amano viaggiare sono rari. La maggior parte dei gatti preferisce restare a casa. Hai vicini o amici affidabili a cui non dispiace intervenire quando sei via?
Assicurati che sia così, prima di pianificare o prenotare il tuo viaggio.

L’ideale sarebbe qualcuno che già conosce l’animale e in grado di nutrirlo non solo con il cibo ma anche con l’affetto.
Le coccole e il gioco dovrebbero far parte del lavoro del pet sitter, oltre al cibo e alla comunicazione.

L’altra opzione sarebbe una pensione per animali, con professionisti che si prendono cura del tuo amico.

Assicurati in anticipo che il tuo gatto sia disposto a starci: i gatti sono individui con esigenze e preferenze uniche che devono sempre essere prese in considerazione: nessuno vuole essere parcheggiato in un posto a caso!

Il carattere del gatto

Che tipo di personalità preferisci?

Un temerario con una forte volontà o un gatto amante dei bambini del genere “tenerone”? Ci sono gatti affettuosi, razze di gatti che amano l’acqua o non hanno paura di nulla in generale – ovviamente qui c’è l’imbarazzo della scelta.

In quanto individui profondamente unici, i gatti variano nella personalità tanto quanto nell’aspetto esteriore.

Alcune razze hanno tratti simili per quanto riguarda il carattere. Abbiamo creato un’ampia panoramica qui per te:

Stai cercando…

Un gatto affettuoso?

In questo caso ti consigliamo un Burmese, un Main-Coon o un Ragdoll.

Tutti questi sono rinomati fan delle coccole, che cercheranno sempre di starti vicino e apprezzano l’affetto.

Un gatto comunicativo?

Scegli un Abissino, Bengala o Siamese!

Queste razze ti faranno sempre divertire! Cercheranno sempre di comunicare con te tutto il giorno. Le razze loquaci miagolano, fanno le fusa e tubano: rimarrai sorpreso di quanto possa essere dettagliato il vocabolario di un gatto!

Dopo un po’ sarai in grado di capire il loro modo di comunicare i loro bisogni.

Un gatto giocherellone?

Se stai cercando un compagno allegro che sia sempre pronto per il gioco e il divertimento, il Bombay, il Cornish Rex e lo Sphynx sono la scelta giusta per te.

Il gioco e le coccole saranno tra i passatempi più amati dai gatti – a parte ovviamente i sonnellini intermedi – dopo di che si godranno il gioco con rinnovata energia!

Un gatto che perde il pelo o no?

Preferisci una razza che non perda troppo pelo?

In tal caso, l’Europeo comune, il German Rex o un Savannah sarebbero la scelta giusta per te.

Ci sono ovviamente le razze glabre o “nude” – chiamate Sphynx, una razza canadese che trascorre tutta la vita “glabra”.
Peli su peli ovunque e non una spazzola a portata di mano? – Con uno Sphynx non avrai mai questo tipo di problema! Un animale nudo non può perdere i peli: i gatti Sphynx hanno invece una pelle più spessa.

Tipologie corporee del gatto

Come dovrebbe essere il tuo gatto?

Il colore degli occhi e del mantello può variare molto, così come la corporatura, l’altezza, la forma della testa, le orecchie e le dimensioni degli occhi, fino alla posizione e alla lunghezza della coda.

Anche all’interno della stessa razza possono esserci delle eccezioni alla regola: non stiamo parlando di “robot” – sono animali, ovvero degli esseri con la loro individualità, che a volte non aderiscono completamente ai concetti di allevamento ma a quelli di madre natura.

Ogni razza ha una determinata corporatura. Alcuni sono più sottili e piccoli, altri possono essere più compatti e robusti. Questa è prima di tutto una questione di gusti.

Quale tipologia preferisci?

Conclusioni

Ad ogni razza sono attribuiti determinati tratti, sia nel carattere che nell’aspetto. Nell’ambito di una determinata razza, questi possono essere identici.
Sarà lo stesso per generazioni e farà parte del patrimonio.

Tuttavia, i proprietari non attribuiscono importanza solo a questi valori esterni, ma anche a un certo carattere. Gli allevatori professionisti, quindi, accoppiano principalmente i genitori che presentano queste qualità. 

Quali sono allora i tratti caratteriali e le diverse esigenze delle varie razze?

Ecco una prima impressione:

Lettiere per gatti a confronto – Silicio, Profumata al talco o in Fibra Naturale?

leggete ora:

Guida alle razze di Cat’s Best

Esistono numerose razze di gatti, dal “Abissino” allo “York Chocolate” – quindi quale razza è più adatta a me?

Te li presentiamo! La nostra Guida Cat’s Best alle razze di gatti introduce regolarmente nuove razze.

C’è un “profilo” per ciascun gatto che ti aiuterà ad ottenere una panoramica breve e informativa:
Che aspetto ha il gatto, quali sono le sue dimensioni e il suo peso, il suo pelo e il suo carattere?
Quindi introduciamo i tratti particolari, compresi quelli tipici della razza in oggetto, attraverso fatti interessanti sul mantenimento e la cura.

Troverai le informazioni qui:

Personalità diverse

Il carattere di un gatto è decisivo sul modo in cui si comporterà e su come far fronte a situazioni specifiche.

Le razze di gatti hanno i loro tratti caratteriali di base: alcuni attributi saranno persino etichettati come specifici della razza.
Tuttavia, il carattere è geneticamente implementato nel pedigree? Tutti i membri della famiglia mostreranno le stesse caratteristiche?
La personalità corrisponde a questa razza?

Chi conosce i gatti da sempre, dai gattini agli anziani, sa bene che ci sono differenze sia nell’aspetto che nella personalità sin dai primi momenti di vita!

Le differenze saranno visibili dall’inizio della vita del gatto: alcuni non vedono l’ora di conquistare il mondo, o almeno lo spazio
circostante. Altri saranno più ansiosi e faranno i loro primi passi con più attenzione e cautela, indipendentemente dalla razza o dal sesso.
Questo atteggiamento rimarrà.

Per lo più per tutta la vita del gatto.

Ciò è dovuto al fatto che gli attributi del carattere non sono solo determinati geneticamente, ma hanno anche molto a che fare con le influenze esterne.

Le prime settimane sono decisive in quanto il gatto verrà socializzato durante questo periodo.

In questo periodo impara tutto sulla convivenza tra gattini e viene educato non solo dalla mamma gatta, ma anche dai fratelli; i gattini che in questo periodo hanno molti contatti con persone e animali, da grandi saranno piuttosto fiduciosi come i nasi di pelo a cui non è stato permesso di conoscerli. 

Il gatto di casa è un regalo a sorpresa con quattro zampe.
La maggior parte dei gatti che convivono con l’uomo sono i cosiddetti gatti domestici – noti anche come incroci o – se vivono all’aperto – “randagi”.
In apparenza, somigliano spesso all’Europeo a pelo corto, ma non hanno il pedigree; dunque, non c’è alcuna richiesta di soddisfare gli standard di razza. 

A differenza dell’Europeo a pelo corto, i gatti comuni sono disponibili in un mix di colori: ognuno di loro è unico!
Poiché nei gatti il padre può non essere uno solo, una cucciolata può essere piena di sorprese, con nuove e affascinanti combinazioni di mantello.

Fai il test!

Non riesci a decidere?

Ora hai almeno una minima idea di che cosa ha bisogno un gatto per condurre una vita felice e di cosa hai bisogno tu per essere felice?

Fai il test!

Rispondendo ad alcune semplici domande, potresti avere un’idea migliore del tipo di gatto che si abbinerebbe meglio a te e al tuo stile di vita.