Vuoi addestrare il tuo gatto a usare la lettiera, ma non sai come fare? – Ecco alcuni suggerimenti e trucchi per te!

La cantautrice e comica tedesca Helge Schneider ha scritto una canzone satirica sulla felicità della cassetta igienica (“Katzeklo”): La toilette per gatti appartiene alle basi della casa dei gatti ed è essenziale quando si tratta di pulizia all’interno delle quattro mura.

Questo vale anche se il vostro gatto è un animale che vive all’aperto e trascorre la maggior parte del tempo fuori dall’appartamento, incluso “fare i suoi bisogni”. Ai gatti che vivono all’aperto piace anche avere la possibilità di disporre di una cassetta igienica una volta rientrati. Non è raro infatti trovare escrementi sul tappeto, sul letto o altrove, in mancanza della cassetta

Regole base per il numero minimo di cassette igieniche disponibili in base al numero dei gatti

 Numero di cassette per gatto = numero di gatti +1

Perchè il mio gatto non è pulito?

Se dovesse succedere che il costoso tappeto persiano o il nuovo divano di design vengano sporcati, anche gli amanti dei gatti più tolleranti si irriteranno e si preoccuperanno.

Perché il mio gatto è improvvisamente diventato “sporco”?

Eppure fino a ieri l’uso della cassetta igienica sembrava perfetto!

Niente infastidisce il proprietario di un gatto più del fatto che l’animale sia diventato sporco. Prima di tutto, bisogna mantenere la calma! Misure drastiche come urlare al gatto, spruzzarlo con la pistola ad acqua o strusciargli il naso per terra non sono solo azioni crudeli e improduttive, ma possono persino portare alla perdita definitiva di fiducia da parte del gatto. Il risultato potrebbe essere un comportamento esattamente opposto a quello che si desidera ottenere, quindi non fate mai queste cose!

MAI!

Se il vostro gatto cambia comportamento, c’è sicuramente un motivo! Cercate di capire la causa per evitare che simili “contrattempi” si ripetano in futuro

Bisogna agire immediatamente

Se il gatto ha scelto un altro posto fuori dalla lettiera, questo richiede un’azione immediata: è necessario rendere subito il posto il meno attraente possibile, tenendo la porta della stanza sempre chiusa o spostando i mobili 

E’ possibile anche spostare le ciotole del cibo proprio in quel punto: i gatti non sporcano mai il luogo dove mangiano. Si può coprire temporaneamente con un foglio di plastica o alluminio per renderlo inaccessibile o poco interessante.

È inoltre necessario posizionare una cassetta igienica vicino al punto di divieto di accesso, che poi deve essere spostata ogni giorno sempre più vicino ad esso, poco a poco.

Se anche la pulizia più accurata non avesse effetto, bisogna rimuovere completamente la coperta o il tappeto che sia, perché è probabile che quel punto venga riutilizzato in caso di odori residui

Pulizia accurata

Se si è bagnato qualcosa…

  1. utilizzare prima acqua calda e un detergente neutro.

  2. quindi utilizzare un panno inumidito con il 40% di alcool denaturato e strofinare accuratamente.

  3.  concludere con uno speciale detergente enzimatico (disponibile nel negozio di animali).

Dissolverà sia il grasso che i cristalli di urina, il che significa che l’odore svanirà completamente, anche al naso di un gatto sensibile!

Possibili cause

La sporcizia e la marcatura urinaria possono avere molte cause:

spostamento della cassetta, sabbia troppo spessa o ruvida sgradevole ai polpastrelli oppure cassetta troppo piccola, mal posizionata o non abbastanza pulita. L’animale ha per caso problemi di salute o è stressato da una situazione cambiata di recente?

– C’è tutta una serie di possibilità che devono essere verificate! Il più delle volte, i cambiamenti nell’ambiente circostante sono la ragione di comportamenti indesiderati.

Oppure il gatto evita la cassetta e il suo contenuto perché non è riempita correttamente o perché addirittura sporca? La lettiera sporca scoraggia i gatti, il che non sorprende in quanto sono molto sensibili agli odori e reagiscono a quello pungente dell’urina in modo ancora più evidente rispetto agli umani.

Stress psicologico

Il tuo gatto è stressato da un cambiamento di vita come un trasloco, competizione con altri animali o nuovi mobili, aumento dei membri della famiglia, dolore, divorzio, cambio di abitudini ecc.?

O forse sta sperimentando situazioni traumatiche (ad es. Cani aggressivi, Capodanno?). Forse degli intrusi hanno usato la gattaiola per entrare nel territorio del tuo gatto? Il tuo gatto ha bisogno di più affetto?

Problemi di salute

L’animale ha problemi di salute (ad es. infezione della vescica, diarrea)? È vecchio e / o incontinente?

Tu conosci bene il tuo gatto quindi puoi sicuramente individuare il motivo, ad un esame più attento. Se il gatto sembra strano o si comporta diversamente dal solito, è segno che sta succedendo qualcosa! Se non sei sicuro e sospetti che ci sia un problema di salute alla base dell’abbandono della cassetta igienica da parte sua, fissa un appuntamento con il veterinario per controllare il suo stato di salute in modo appropriato.

Comportamento di marcatura

Un gatto sessualmente maturo e non castrato è incline al comportamento di marcatura. L’urina del gatto adulto ha un odore forte e pungente poiché contiene particolari ormoni che segnalano il suo stato attuale. Anche i gatti maschi lo usano per marcare il loro territorio.

La pulizia quotidiana della lettiera aiuta solo fino a un certo punto e non serve cercare di coprire l’odore con un odore diverso: si sentirà sempre! Solo una lettiera adatta e la castrazione rappresentano la soluzione alla lotta contro questo odore forte.

Gatti non addestrati

I gattini di solito imparano a usare la cassetta igienica per gatti dalla mamma e dai fratelli. Semplicemente osservano e imitano ciò che vedono.

Se un gattino viene separato dalla cucciolata troppo presto, potrebbe non aver imparato abbastanza. In tal caso, è necessario sostituirsi alla mamma e mostrare al gattino a cosa servono la cassetta e il suo contenuto. Durante il gioco, nella foga del momento per così dire, può accadere che i gattini dimentichino di usare la lettiera – non c’è molta differenza con i piccoli umani!

Addestrare il gatto in casa

Se un gattino impara a comportarsi bene grazie agli elogi entusiasti e alle coccole sin dalla tenera età, la convivenza sarà molto più armoniosa sin dall’inizio. Tuttavia, è molto difficile addestrare i gatti adulti, soprattutto quando si tratta di cambiare i modelli comportamentali. I gatti amano la routine e possono essere piuttosto ostinati. Potrebbero non capire il motivo che si cela dietro i tuoi desideri – e perché mai, se le cose sono sempre andate bene fino ad ora? Non sembrava infatti un problema, vero?

Ecco alcuni preziosi consigli per far sì che la convivenza con il tuo gattino funzioni senza problemi fin dall’inizio:

I gattini e la cassetta igienica

All’età di tre-sei settimane, i gattini sono abbastanza grandi per poter essere addestrati ad usare la cassetta per gatti.

A tal fine, presso i negozi di animali sono disponibili speciali cassette di plastica che presentano un margine più basso del bordo ondulato per facilitare l’ingresso ovvero entrata e uscita dei più piccoli. Non appena i gattini iniziano a mangiare alimenti solidi e sostanziosi, mamma gatta smette di pulirli. Questo è quindi il momento di avere la cassetta igienica pronta, posizionata nelle immediate vicinanze della cuccia o del cuscino. È essenziale mantenere la cassetta estremamente pulita, altrimenti potrebbero cercare alternative in luoghi non adatti per tutta la casa.

Lodi e coccole aiuteranno a collegare l’uso della cassetta con sentimenti positivi!

Utilizzare la lettiera dell’allevatore

Il grande giorno è arrivato: il gatto sta per trasferirsi a casa tua! Il nuovo inquilino avrà bisogno di una cassetta con la lettiera adatta a lui che garantisca una perfetta igiene e sicurezza. Per essere sicuri che il gattino la riconosca, è consigliabile utilizzare la stessa lettiera usata dall’allevatore. – Così si sentirà più a casa immediatamente

Non utilizzare la lettiera agglomerante per i gattini

I gatti giovani hanno una curiosità innata e ispezioneranno la lettiera da soli. Per evitare effetti indesiderati derivanti dall’ingestione accidentale di granelli, una lettiera vegetale e non agglomerante, rappresenta la scelta migliore per i gattini.

Cat’s Best Comfort è a base di fibre vegetali pure e può essere digerito senza problemi. Dopo poco il gatto, intelligente com’è, si sarà reso conto che comunque la lettiera non è destinata ad essere mangiata.

Iniziare subito l’addestramento

Subito dopo aver aperto gli occhi per la prima volta, i gattini inizieranno ad osservare il comportamento della madre. ‘Cosa diavolo sta facendo in quella scatola?’ Una volta che potranno camminare e spostarsi, imiteranno le sue azioni.

Posiziona la cassetta nelle immediate vicinanze della cuccia o del cuscino, nel punto in cui dormono, in modo che i gattini possano osservare come funziona. Così, quando avranno la necessità di fare i loro bisogni per la prima volta, potrebbero aver già capito il suo scopo

Attivare la digestione del vostro gattino

Di solito, mamma gatta attiva la digestione dei suoi cuccioli. Da una certa età in poi, questo non dovrebbe più essere necessario.

Tuttavia, è possibile utilizzare questo modello comportamentale per l’addestramento alla lettiera, una volta che il gattino è arrivato a casa. Basta mimare il leccamento della madre massaggiandogli delicatamente la pancia dopo il pasto e metterlo nella lettiera subito dopo. Così sarà tutto più facile e dopo un paio di volte, il gattino sapra’ che questo è il posto giusto per “fare i suoi bisogni”.

Attenzione alle dimensioni della cassetta

Quando scegliete una cassetta igienica per  la prole, assicuratevi di non acquistare una “mini toilette”. Potrebbe servire allo scopo per un po’ di tempo, tuttavia, dopo solo poche settimane sarà già diventato troppo piccolo. Ovviamente, il mercato offre una grande varietà di modelli “graziosi”!

Tuttavia, anche se è facile cadere in tentazione con questi acquisti, sappiate che non dovete aspettarvi troppo! comfort. La forma, il colore e il design potrebbero attrarvi, ma alla fine è il gatto che utilizza la cassetta. Pertanto, coperchi e risvolti dovrebbero essere evitati: rappresentano solo degli ostacoli per il tuo gatto.

Mettere il gattino nella cassetta dopo i pasti

Subito dopo il pasto, mettere il ​​gattino nella cassetta: avrà sicuramente un sollievo immediato.

Inoltre, comportamenti come la ricerca di uno spazio tranquillo o il girare ripetutamente raschiando il pavimento significano che il gatto ha bisogno di essere messo nella cassetta igienica. Comunque, non bisogna esagerare! Infatti, mettere ogni volta il gatto nella cassetta dopo ogni piccola leccornia, potrebbe trasformare l’uso della lettiera in un evento traumatizzante.

Smaltire gli escrementi correttamente

I gattini sono sensibili agli odori esattamente come i loro genitori adulti: i cattivi odori li disturbano molto e ne staranno sempre alla larga. Pertanto, bisogna mantenere la cassetta sempre pulitissima! Per far si che il gattino si senta a suo agio, è necessario eliminare gli escrementi più volte al giorno: le feci e le macchie sporche devono essere rimosse e la cassetta riempita con sabbia pulita. In questo modo, la letteria rimarrà un luogo di benessere che il gattino sarà felice di utilizzare.

All’inizio non pulire troppo spesso

Il gattino ha fatto i suoi bisogni nella cassetta per la prima volta? Perfetto! – accarezzatelo e lodatelo tantissimo – così, la sua azione sarà memorizzata come positiva. Se le escrezioni non sono state ricoperte completamente, potete fare voi il resto: coprirle semplicemente con la lettiera per mostrare al gattino come si fa. In ogni modo, non pulire la cassetta subito dopo lasciando tutto così com’è per un po’. All’inizio, può essere saltato spesso anche il ricambio completo settimanale. L’odore farà sì che il gattino colleghi nel suo cervello quell’azione precisa. Imparano velocemente e dopo poche ripetizioni, avrà capito lo scopo della lettiera.

L’aceto contro la sporcizia?

Una volta che si è verificato l’incidente, come possiamo sbarazzarci di odori e macchie di urina nel modo migliore?

Prendere un rotolo di carta da cucina o un vecchio asciugamano per assorbire l’umidità; quindi procedere a pulire la macchia con un sapone neutro o un detergente senza ammoniaca – poiché questa attirerà ancor di più il gatto in quel punto! Quindi, si può provare a contrastare l’odore con una soluzione a base di aceto – tuttavia, questo potrebbe ritorcersi contro, poiché i gatti aborriscono l’odore dell’aceto e in alcuni casi potrebbero quindi provare a “neutralizzarlo” urinando in quel punto anche in modo più eccessivo.

In definitiva, un detergente a base di enzimi è sempre la scelta migliore, in quanto non solo pulirà il punto, ma eliminerà anche l’odore.

Addestrare i gatti anziani ad utilizzare la cassetta

Con un po’ di pazienza ed empatia, anche i gatti adulti possono essere addestrati ad usare la lettiera.
Prima che il gatto arrivi a casa vostra, assicuratevi di conoscere la sua situazione di vita precedente e le sue preferenze: il gatto è già abituato alla lettiera oppure ha sempre vissuto all’aperto e non ne ha mai vista una in tutta la sua vita?

Ci sono cassette igieniche la cui forma e design sono più familiari per il tuo gatto?

Ci sono detergenti dall’odore a lui gradito o altri che odia?

Alcuni gatti accettano solo la cassetta pulita con prodotti a loro noti – oppure hanno bisogno che venga pulita immediatamente dopo aver fatto i loro bisogni – altrimenti non ci vanno!

Quale lettiera preferisce il gatto? Forse c’è una marca preferita?

Più informazioni puoi raccogliere in anticipo, più facile sarà il cambiamento – per entrambi!

Utilizzare la lettiera del precedente proprietario

Il contenuto è importante quanto la cassetta stessa. Quando adotti un gatto dovresti chiedere al precedente proprietario quale marca di lettiera utilizzava. Se all’inizio verrà utilizzata la stessa, il tuo nuovo gatto si sentirà subito a casa.

Nel caso la marca non sia di vostro gradimento e decidete di cambiare, provate ad introdurre il nuovo tipo in modo graduale ovvero, semplicemente aggiungendo un po’ ‘della nuova alla vecchia, aumentando via via la quantità fino alla completa sostituzione. In questo modo, il gatto difficilmente si renderà conto del cambiamento e sarà in grado di accettare la nuova marca senza problemi.

Utilizzare terra e sabbia come lettiera

In natura, i gatti fanno i loro bisogni scavando una buca nel terreno e coprendola subito dopo.

Il modo più appropriato in questo caso, è mettere in un determinato punto della sabbia sfusa e asciutta. Infatti, i luoghi preferiti dai gatti sono le sabbiere e le aiuole. Qui sabbia e terra sono già a portata di mano! Senza nessuno sforzo si fornisce così al gatto un luogo facile e confortevole dove poter espletare i suoi bisogni.

Se l’animale proviene da una famiglia in cui non era disponibile la cassetta oppure è stato abituato a sporcare fuori, è possibile ricreare quelle condizioni naturali riempendo la lettiera con terra e sabbia all’inizio. In questo modo, il gatto si sentirà più a suo agio poiché conosce il contenuto e sa cosa farne!

Fornire diverse cassette igieniche

Come regola generale, si dovrebbe sempre fornire un numero di cassette superiore al numero dei gatti presenti in casa. Un gatto dovrebbe sempre poter scegliere tra almeno due lettiere, due gatti dovrebbero averne tre e così via. Diverse lettiere sono la scelta giusta anche per i gatti che amano urinare in un luogo diverso da quello utilizzato per le feci. Questa separazione si ottiene solo utilizzando diverse cassette.

Se la casa o l’appartamento ha più di un livello, ha anche senso installare almeno una cassetta per piano.

Mettere gli escrementi nella cassetta

Un gatto che non ha mai usato una lettiera prima a volte potrebbe non sapere cosa farne. Puoi aiutarlo mostrandogli il suo utilizzo:

se il gatto non ha accesso all’esterno e non sapendo dove andare, ha fatto i suoi bisogni in casa, raccogli semplicemente gli escrementi e mettili nella lettiera.

Consenti al gatto di osservare questa procedura in modo che sappia a cosa è destinata la cassetta. Mantieni calma e gentilezza oltre che una certa distanza dalle feci. Questa non è una punizione, è una tecnica per insegnare al tuo gatto lo scopo della cassetta!

E questo dovrebbe essere percepito anche dal gatto. Sono esseri sensibili e impareranno rapidamente, tuttavia, sii paziente e considera che devono passare alcuni giorni prima che il gatto abbia imparato ad usare la lettiera da solo.

Scavare nella lettiera con le mani

Un gatto che non ha mai utilizzato la lettiera, all’inizio non saprà subito cosa fare. Utilizzate le mani per grattare un po’ nella sabbia assicurandovi che il gatto sia nelle vicinanze per osservare l’azione. La raschiatura gli ricorderà il dovere appreso in natura, di scavare il terreno prima e dopo aver fatto i suoi bisogni. È usata infatti per scavare una buca per depositare le feci e ricoprirle successivamente.

Arrivando nel nuovo territorio, il gatto dovrebbe acquisire familiarità con la lettiera e avere la possibilità di scavarci dentro. Usarla in modo giocoso renderà più facile riconoscerne il suo vero scopo.

La cassetta igienica perfetta

Cosa rende la cassetta per gatti un rifugio perfetto? Fondamentalmente, la lettiera è perfetta se il gatto l’accetta come tale. Se non dovesse essere di suo gradimento sarà molto difficile fargliela usare.

I gatti, proprio come gli umani, amano che le loro cose siano pulite e spaziose. Il gatto ha bisogno di spazio sufficiente per girarsi all’interno della cassetta. Ad alcuni animali piace che i loro bisogni non solo siano coperti ma completamente sepolti: in tal caso, assicurarsi che la cassetta sia abbastanza robusta e sostenibile da sopportare un’eccessiva graffiatura.

L’urina e le feci vengono spesso lasciate in punti e angoli separati; per questo la cassetta dovrebbe avere spazio sufficiente.
Che cos’altro dovrebbe offrire un ambiente di vita appropriato per la sua specie? – Scopritelo qui.

Scegliere la cassetta giusta

Le cassette igieniche per gatti sono disponibili in vari formati e design. Non è così facile scegliere quello giusto. Pensa a ciò di cui ha veramente bisogno il tuo gatto. Non farti tentare dall’acquisto di una lettiera per il suo stile stravagante – qui, la funzionalità è prioritaria, sicuramente il design e il “gusto” del tuo gatto sono molto più importanti del tuo!

La razza del gatto non fa differenza. Tuttavia, i gatti più grandi hanno ovviamente bisogno di più spazio per muoversi liberamente senza ferirsi la coda urtando sui muri. Anche l’altezza dell’entrata è un fattore importante da considerare: sia i gatti molto giovani che quelli anziani potrebbero avere dei problemi ad entrare in una cassetta con i bordi alti.

Alcuni gatti non apprezzano la cassetta con il coperchio o altri annessi – per sicurezza, è meglio evitare queste caratteristiche extra. Le tonalità scure possono essere considerate eleganti e alla moda, tuttavia il gatto potrebbe avere idee diverse. Una grotta oscura, in natura non sarebbe mai stata scelta dal gatto, animale scaltro, in quanto potrebbe nascondere pericolosi nemici! Meglio scegliere colori chiari e tranquillizzanti per la sua lettiera.

Tipi di cassetta

Aperto o chiuso?

A molti gatti non piace la variante coperta: in natura, sicuramente non userebbero una grotta per fare i loro bisogni. Ad altri gatti potrebbe non importare avere un tetto sopra la testa.

Tuttavia, a tutti farà piacere avere facilità di accesso. Idealmente, la cassetta aperta dovrebbe avere il bordo che si piega verso l’interno: in questo modo, la maggior parte della sabbia resterà dentro. Per quella che fuoriesce, è possibile posizionare un apposito tappetino davanti alla all’entrata. Inoltre, è sempre una buona idea tenere vicino un piccolo aspirapolvere a batteria.

Cassetta a forma di scodella

Cassetta chiusa

Il punto migliore per la cassetta

Gli esseri umani sono molto attenti nel posizionare il WC nel punto giusto della casa.

Choose a quiet spot where your feline friend will not be disturbed – never set it up right in the middle of the corridor!

Imagine having to use a toilet at a busy traffic junction – what would that feel like? Exactly the same goes for your cat! It will appreciate a discrete refuge to do its business as much as any human. 

Separate from sleeping and feeding 

Would you eat a snack on the toilet? No? – Why not? OK – there may be certain exceptions but there are none for your cat: 

Cats will never eat at the same spot where they relieve themselves – which also goes for the sleeping area. It is therefore never a good idea to set up the litter box in close vicinity to either the feeding or the resting areas.

Zona priva di correnti d’aria

Assicuratevi che il gatto abbia a disposizione uno spazio separato per la sua cassetta igienica, lontano dai rumori, protetto dal rumore e dalle correnti d’aria. Ad esempio, sul balcone o proprio sotto una finestra non sono mai buoni posti per la lettiera. Immagina di dover uscire per fare i tuoi affari: neanche questo ti attirerebbe. Quel tipo di fredda esperienza all’aria aperta dovrebbe essere lasciato ai compagni duri e anche quelli sceglierebbero sempre un clima più mite.

Un posto tranquillo

Il posto giusto dovrebbe soddisfare il bisogno di intimità e tranquillità del gatto. Evitare ambienti soggetti a rumori improvvisi, come ad es. dietro le porte o vicino alla lavatrice o all’asciugatrice. Infatti potrebbe accadere che il gatto scappi via dalla cassetta in stato di shock o panico completo e non voglia usarla mai più in futuro.

Libero accesso

La cassetta per gatti dovrebbe essere sempre facile da trovare perché in caso contrario potrebbero verificarsi degli inconvenienti come fare i bisogni in giro per la casa.

Soprattutto i gattini, che non sono ancora abituati alla lettiera, potrebbero non raggiungerla in tempo e in tal caso, potrebbero sporcare altrove…
Per lo stesso motivo, sia i gattini che i gatti più anziani non dovrebbero essere costretti a salire le scale per raggiungere la cassetta.

Tenere la cassetta nello stesso posto

“Squadra che vince non si cambia”! Ai gatti piace la routine. Aderiranno sempre ai processi ben funzionanti e adoreranno i loro rituali. Allo stesso modo, odiano qualsiasi imprevisto e il cambiamento non è mai una buona cosa se riguarda il loro ambiente immediato.

Una volta che la lettiera e il suo spazio sono stati accettati, non cambiarli. Lascia tutto com’è e sarai ricompensato da un compagno completamente rilassato ogni volta che si tratta di igiene domestica.

Pulizia della cassetta igienica

Gli odori decidono sia il comportamento sociale che territoriale dei nostri amici felini.

Se a un gatto non piacesse il profumo della lettiera, potrebbe ignorare del tutto la cassetta. Anche una cassetta troppo piccola o sporca può scoraggiare gli animali, soprattutto perché hanno nasi molto sensibili e reagiscono di conseguenza all’odore pungente dell’urina.

Assicurarsi sempre che la cassetta igienica per gatti sia pulita e accogliente.

Cassetta igienica- pulizia standard

  • Svuotare la cassetta e smaltire il contenuto
  • Mettete la cassetta vuota nella vasca o nella doccia e riempirla con acqua calda e un detergente neutro.

  • Lasciate agire per 10-20 minuti
  • Svuotare la cassetta e strofinare il sapone residuo con una spazzola o una spugna

  • Strofinare bene la cassetta con un asciugamano o carta assorbente da cucina

  • Rimettete la cassetta al solito posto e riempirla con la sabbia pulita

Se la copertura o il tetto facessero parte della cassetta, anche questi dovrebbero essere puliti!

Siete in stato interessante? In tal caso, assicuratevi di usare sempre i guanti quando pulite la cassetta igienica. In gravidanza, infatti, c’è il rischio di infezione da toxoplasmosi che viene trasmessa attraverso le feci del gatto. Ciò significa che la cassetta igienica deve essere pulita accuratamente su base giornaliera, per evitare il contatto con le feci. Smaltire la sabbia sporca ed eventuali residui in sacchetti di plastica sigillati insieme ai rifiuti domestici.

Frequenza della pulizia della cassetta

La cassetta dovrebbe essere sempre pulita con un ricambio regolare della lettiera. Ovviamente il tipo di lettiera influisce sulla frequenza del medesimo. Ci sono enormi differenze tra le varie marche che ovviamente giocano un ruolo importante sugli intervalli e sul costo.y.

Anche la funzionalità gioca un ruolo chiave: se si utilizza una lettiera non agglomerante, sarà necessario effettuare un cambio completo settimanale. Infatti, la lettiera agglomerante rende le cose molto più semplici: si potrà cambiare completamente la sabbia ogni 4-6 settimane e a seconda della marca, è possibile risparmiare sul costo.

Le alte temperature estive peggioreranno l’odore; qui alcuni consigli per imparare a contrastarlo:

Pulizia quotidiana

Gli agglomerati, le feci e le escrezioni devono essere eliminati quotidianamente. Sostituire con sabbia pulita nel punto corrispondente alla rimozione. Se non si eliminano le escrezioni, il gatto potrebbe ignorare del tutto la cassetta, anche se è stato effettuato da poco un ricambio completo. Pertanto, è meglio controllare spesso se sono presenti agglomerati e smaltirli immediatamente.
Ma non preoccupatevi! – Non è necessario sporcarsi le mani. Il modo migliore è usare una paletta apposita.

Pulizia settimanale

Se si utilizza la tradizionale lettiera minerale per gatti a base di bentonite, sabbia di quarzo calcareo o silicio, una pulizia settimanale standard della cassetta igienica, sarà inevitabile.

Svuotare completamente la cassetta, smaltire l’intero contenuto e riempirla con sabbia pulita. E’ possibile anche utilizzare un detergente neutro e non profumato. Tuttavia, non usare mai prodotti chimici o prodotti fortemente profumati! Altrimenti il fondo di plastica della cassetta potrebbe iniziare a corrodersi oppure il gatto potrebbe rifiutarsi completamente di entrare nella cassetta.

Amate il profumo fresco di pulito?

Ecco alcuni profumi che il tuo gatto non accetterà: ammoniaca, cipolla, aceto – così come geranio, fiori di sperone o erbe Hildegard-von-Bingen. Usando questi profumi, il tuo gatto potrebbe semplicemente “sparire”!

Sostituire la cassetta una volta l’anno

La cassetta igienica dovrebbe essere sostituita ogni anno o almeno, ogni due anni. Lo scavare e il grattare provocano piccole crepe nella superficie della plastica, con conseguente accumulo di residui nel tempo. Non si consiglia l’utilizzo di strati di carta stagnola- le unghie rimangono intrappolate e attraverso i fori e le lacerazioni che ne derivano, l’urina può facilmente raccogliersi al di sotto.

Quale detergente usare per la cassetta?

I gatti sono animali molto sensibili per natura. Il loro olfatto è altamente sviluppato e percepiscono l’ambiente anche attraverso le zampe.
Superfici ruvide, spigoli appuntiti, una sostanza scivolosa o un odore artificiale saranno tutti considerati fastidiosi. Per pulire la cassetta del gatto, l’acqua calda e un detergente neutro sono la scelta migliore.

Utilizzare una paletta per cassette

Il modo migliore per smaltire gli agglomerati è usare un’apposita paletta per cassette con una distanza tra i denti della medesima da 7 a 9 mm: così, rimarranno solo gli escrementi e gli agglomerati – la sabbia pulita invece ricadrà nella cassetta.

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.

Utilizzare acqua calda

Usare acqua calda per pulire la lettiera. Maggiore è la temperatura, più efficiente sarà la pulizia. Il grasso e lo sporco si dissolveranno più facilmente.

Utilizzare un detergente delicato

Gli odori chimici scoraggiano i gatti che eviteranno di usare la cassetta. Non pulire con detergenti, disinfettanti o prodotti contenenti ammoniaca al profumo di pino o acidi. Dopo la pulizia riempire la cassetta con 5-7 cm di lettiera nuova

Che tipo di lettiera utilizzare?

In natura, i gatti fanno i loro “bisogni” in un terreno soffice e ampio.

Scavano una buchetta nel terreno e dopo essersi liberati ricoprono completamente i loro escrementi. I gatti di casa istintivamente hanno lo stesso comportamento; grattando e scavando la lettiera ripetutamente, spesso però fanno fuoriuscire la sabbia dalla cassetta, oppure questa può attaccarsi ai peli e alle zampe.

Come possiamo ricreare un ambiente naturale in casa in modo che gli istinti del gatto vengano soddisfatti il più possibile? Esiste una lettiera per gatti che possa considerarsi “naturale” nell’ ambiente dell’uomo? Molti amanti dei gatti passano diverso tempo a provare varie marche di lettiera alla ricerca di quella naturale e perfetta, che fornisce anche un livello d’igiene ottimale: la gamma di prodotti è molto varia tanto quanto le preferenze dei gatti e dei loro proprietari.

Scegliere la lettiera giusta

Il mercato delle lettiere per gatti può essere suddiviso utilizzando diversi criteri: le materie prime utilizzate, ad es. minerali in contrasto con le fibre vegetali – o fattori funzionali, ad es. agglomerante o non aggregante. Ulteriori criteri sono la consistenza, ad es. grossolana, a grana fine o pellettati – o l’uso di integratori (profumo, colore o prodotti chimici aggiunti per aumentare le prestazioni).

Lettiera minerale

Le materie prime utilizzate per la lettiera minerale – bentonite, sabbia di quarzo calce o silicio – vengono estratte in fosse a cielo aperto. Una volta esaurite le risorse di bentonite, in quelle aree rimangono gigantesche voragini con la conseguente massiccia distruzione dell’ambiente che impiega anni per riprendersi. La lettiera minerale ha un peso netto elevato, livelli di polvere elevati e non è compostabile. Questa lettiera deve essere smaltita con i rifiuti domestici, un grave problema per le discariche.

Lettiera minerale agglomerante

La lettiera minerale è disponibile sia in qualità agglomerante che non agglomerante. Se utilizzate la lettiera minerale non agglomerante, è spesso necessario un ricambio completo; è quindi molto meno economico rispetto ad altri tipi. Oltre all’eccessivo consumo, questa lettiera è anche meno efficiente per quanto riguarda le sue prestazioni di assorbimento degli odori.

Tuttavia, gli agglomerati non sono tutti uguali! Esistono enormi differenze in termini di consistenza, isolamento dei grumi, prestazioni di assorbimento di umidità e odori, nonché di efficacia.

Lettiera di silicio

La lettiera in silicio granulare o pellettata è costituita da gel di silicio. Sicuramente conoscete questo materiale presente in piccoli sacchettini utilizzati di solito per assorbire eventuale umidità e garantire un ambiente asciutto. La lettiera a base di gel di silicio assorbe relativamente bene gli odori e ha bassi livelli di polvere. Inoltre, pesa meno rispetto alle lettiere a base di bentonite. È un materiale duro che emette un forte fruscio a causa della sua consistenza, quindi potrebbe avere un effetto disturbante su alcuni gatti. Questa lettiera non è mai disponibile nella varietà agglomerante. Pertanto, deve essere cambiata frequentemente (intervalli brevi) e smaltita con i rifiuti domestici.

Lettiera biologica a base di fibre di piante

Lettiera vegetale – come ad es. Cat’s Best – utilizza lo speciale effetto capillare delle fibre vegetali. L’umidità e gli odori indesiderati vengono assorbiti e incapsulati in profondità all’interno della fibra. La lettiera vegetale è particolarmente leggera e molto efficace. È disponibile sia nella variante agglomerante che non agglomerante.
La lettiera vegetale si decompone naturalmente ed è quindi completamente compostabile.

Quanto spesso bisogna cambiare la lettiera?

La normale dieta del gatto consiste in livelli elevati di carne in modo da rilasciare un’elevata quantità di ammoniaca e idrogeno solforato: ecco il motivo principale del forte odore di urina nel gatto. Una lettiera di alta qualità come Cat’s Best contrasterà attivamente i cattivi odori in modo naturale:

l’umidità viene immediatamente assorbita dai capillari microscopicamente fini e incapsulata in profondità, all’interno. Se utilizzate una delle lettiere agglomeranti Cat’s Best, ad es. Cat’s Best Original, Cat’s Best Smart Pellet o Cat’s Best Sensitive: bisogna semplicemente rimuovere solo gli agglomerati o le parti sporche (utilizzando l’apposita paletta per lettiera Cat’s Best) ed eliminarli nel water di casa* o nel compost.

*fare riferimento alle disposizioni locali per lo smaltimento

Come e dove smaltisco la lettiera?

Ogni tipo di lettiera può essere smaltita con i rifiuti domestici. Coloro che prediligono una facile gestione in associazione alla salvaguardia dell’ambiente oltre che una maggiore convenienza economica nel lungo termine, non opteranno per la lettiera minerale, piuttosto sceglieranno una marca vegetale.

Un prodotto naturale come Cat’s Best è a base di materie prime provenienti da fonti secondarie del legno e non da piantagioni di alberi, piuttosto da alberi coltivati naturalmente e da foreste regionali sostenibili.

Le materie prime percorrono solo brevi distanze. Lo smaltimento quindi è di per sé sostenibile: il materiale è biodegradabile e completamente compostabile. Per la gioia degli amanti del giardinaggio, la lettiera per gatti vegetale si trasforma così in un prezioso fertilizzante, che nutre e fa risplendere di verde fresco il terreno del giardino.